Prezzi ridotti! Taralli al finocchietto Visualizza ingrandito

Taralli al finocchietto

Nuovo prodotto

Confezione da 300 gr.

Ingredienti:
Farina di grano tenero tipo "0", olio di oliva, vino, sale, acqua, lievito di birra, finocchietto. Allergeni: contiene glutine, possono essere presenti tracce di uova, latte, soia, sesamo, frutta a guscio (mandorle e noci)

Maggiori dettagli

3,20 €

-20%

4,00 €

Dettagli

Tarallo discende dall’etimo greco “daratos”, “sorta di pane”; e come quest'ultimo cresce sotto un panno che ne favorisce la lievitazione. Nasce nelle zone popolari povere meridionali, brulicanti di una popolazione denutrita e famelica. Il Ventre del Meridione era pieno di gente, ma il ventre di quella gente era spaventosamente vuoto. Dove non c’è quasi nulla, nulla si distrugge, e tutto si crea. Così i fornai con le loro abili mani riducevano gli avanzi della pasta del pane a due striscioline che attorcigliavano tra di loro, creando una ciambellina, e via nel forno. Cotti, il “tarallaro”, figura caratteristica, con la sua cesta sulle spalle, batteva senza pausa la città per vendere i taralli ai passanti. Oggi è sparito, ma quello che scompare nella realtà spesso sopravvive nella memoria, e da allora il tarallo ne ha fatta di strada, o meglio, ha continuato a farne, ma questa volta sulle proprie gambe. Dalla "sporta" si è passati all’esportazione e da cibo povero di prima necessità è diventato una leccornia, ennesimo figlio della prolifica creatività meridionale.